Torre Cives

"Il sito si colloca alla sommità di un grande rilievo, fortemente dilavato, a calcescisti, con brecce di calcare e di magnesite, oltre a consistenti affioramenti di opale… Un rilevamento territoriale condotto nel 1984 lungo i fronti di sbancamento della strada di accesso alla sommità e sul piazzale, ha consentito di recuperare alcuni frammenti di terra cotta associati a scorie di ferro. Consistono in pochi frammenti di ceramica color marrone o camoscio, non tornita, ad eccezione di un frammento. Tra le forme si riconoscono esclusivamente una ciotola emisferica e il piede di un vaso ad impianto tronco-conico aperto. L'attribuzione è assai problematica e potrebbe riferirsi a un arco temporale che va dalla tarda Preistoria all'Alto Medioevo. I due frammenti di scorie sono laminati, compatti, poco ossidati, lisci, quasi privi di vacuoli".
Da Rivista di Archeologia – Anno XI – 1987 – diretta da Gustavo Traversari – Università degli Studi Venezia.

© Copyright Ente di Gestione dei Sacri Monti 2013. All rights reserved.